La villa delle donne e dei bambini in Normandia

Durante la Grande Guerra ci furono molte organizzazioni private a prendersi cura dei profughi in Francia. La maggior parte di questi profughi proveniva dal Belgio. Una di queste organizzazioni caritative erano gli American Hostels, creati da Edith Wharton, scrittrice americana e prima donna ad aver ricevuto il premio Pulitzer. Tra i profughi molte persone erano…

Continua a leggere →

  •  
    224
    Shares
  • 224
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

ATTENDERÒ QUEL CHE DEVO ATTENDERE PER FAR MIO IL TUO CUORE

NON BADO A QUANTO DOVRÒ ATTENDERE PER FAR MIO IL TUO CUORE Brano tratto dal romanzo “Il giardino di Étienne”, in lavorazione. © 2017 In questa scena i protagonisti della storia nel presente, Étienne e Cristina, incontrano la storia dei protagonisti del  flash back, Chris ed Anne. Étienne consegna a Cristina il memoir di Chris, affinché…

Continua a leggere →

QUANDO, SCRIVENDO UN ROMANZO, TI TROVI A FARE L’INVESTIGATRICE PRIVATA

QUANDO, SCRIVENDO UN ROMANZO, TI TROVI A FARE L’INVESTIGATRICE PRIVATA Nota sui lavori in corso per il romanzo “Il giardino di Étienne”, copyright © 2017. Ricapitolo per chi non ha letto le note precedenti (che trovi sul mio sito, qui: https://www.simonamariacorvese.it/category/il-giardino-di-etienne/). Il romanzo è ambientato in epoca contemporanea ed è un’intensa e sofferta storia d’amore…

Continua a leggere →

IL MISTERO DI VALENTINA: QUANDO IL CORRELATIVO OGGETTIVO HA IL CARAPACE

“Quel pomeriggio aveva un appuntamento in Conservatorio con sua moglie Laura che durante la sua lunga assenza dall’Italia, si era trasferita in un bilocale di sua proprietà, vicino alla scuola. … Prima di uscire di casa Roberto andò a cercare Valentina, la tartaruga che aveva regalato a Laura esattamente un anno prima, quando si erano…

Continua a leggere →

VILLA BELLE ALLIANCE – SULLE TRACCE DI EDITH WHARTON E DEI SUOI AMERICAN HOSTELS DURANTE LA GRANDE GUERRA

VILLA BELLE ALLIANCE – SULLE TRACCE DI EDITH WHARTON E DEI SUOI AMERICAN HOSTELS DURANTE LA GRANDE GUERRA Traduzione di Simona Maria Corvese (dal report originale in inglese) Nell’estate del 1914 Edith Wharton, la ben nota scrittrice americana, si stava preparando per le vacanze, quando scoppiò la Prima Guerra Mondiale. Sebbene molti fuggissero da Parigi,…

Continua a leggere →

IL GRAND KURSAAL E LA SUA STORIA

  IL GRAND KURSAAL E LA SUA STORIA Grand Kursaal è il nome di origine germanica dato al casinò di San Pellegrino Terme (provincia di Bergamo, Lombardia) dalla sua inaugurazione, sabato 20 luglio 1907, fino al 1915. Quando l’Italia entrò in guerra al fianco della Francia, nel 1915, si preferì sostituire Grand Kursaal, con Grande…

Continua a leggere →

EDITH WHARTON E GLI AMERICAN HOSTELS PARIGINI

EDITH WHARTON E GLI AMERICAN HOSTELS PARIGINI Edith Wharton, la ben nota scrittrice americana, all’inizio della Prima Guerra Mondiale fondò gli American Hostels parigini, per rifugiati di guerra. Al termine della guerra ricevette la legione d’Onore per il suo instancabile impegno e l’imponente rete di volontariato che creò, togliendo dalla strada migliaia di rifugiati di…

Continua a leggere →

LA MUSICA ROM LAUTARI UNGHERESE

LA MUSICA ROM LAUTARI UNGHERESE I due piccoli violinisti ungheresi Livia e Jòzsef, protagonisti di “Sinfonia della Felicità” e del suo prequel “Il giardino della musica”, sono Rom lautari e suonano già come due virtuosi, portando avanti la tradizione dei grandi violinisti Rom ungheresi. Conosci questo particolare modo di suonare? Leggi questo breve post e…

Continua a leggere →

I CRITTOGRAMMI MOZARTIANI DEL FLAUTO MAGICO E QUELLI DI LIVIA E ROBERTO IN “SINFONIA DELLA FELICITÁ”.

I CRITTOGRAMMI MOZARTIANI DEL FLAUTO MAGICO E QUELLI DI LIVIA E ROBERTO IN “SINFONIA DELLA FELICITÁ” ”. Nella mia dilogia di Sinfonia della Felicità, i due protagonisti, Livia e Roberto, parlano dei crittogrammi mozartiani nascosti nel Flauto magico. A un certo punto della trama, in una situazione di emergenza, Livia avrà bisogno di mandare un messaggio…

Continua a leggere →

I CRITTOGRAMMI MOZARTIANI

I CRITTOGRAMMI MOZARTIANI    Lo sapevate che la famiglia Mozart comunicava con crittogrammi? Lo faceva per necessità, dato che a Salisburgo vigeva la censura. Ricorrevano a 5 coppie di lettere M=A, L=E, F=I, S=O, H=U, un vero e proprio codice per la corrispondenza in arrivo a Salisburgo. Ad esempio se Leopold Mozart voleva dire alla…

Continua a leggere →

Page 1 of 2