SKETCHES BY BOZ – LA NOSTRA PARROCCHIA – LE SOCIETÁ DELLE SIGNORE (2a parte)

Dickens, con la sua letteratura, ha voluto investigare in profondità la natura umana. Natura umana le cui caratteristiche sono universali e attraversano i secoli. Leggendo questi sketches noto quanto tali caratteristiche umane siano attuali e, per certi “caratteri” umani ritratti con impietoso umorismo, non si può fare a meno di sorridere e dare ragione a…

Continua a leggere →

LA MUSICA È UN PONTE CON IL CIELO ANCHE IN UN CAMPO DI CONCENTRAMENTO.

LA MUSICA È UN PONTE CON IL CIELO ANCHE IN UN CAMPO DI CONCENTRAMENTO. Concludo con oggi il mese di letture dedicate alla Shoah, parola ebraica che significa “distruzione” e che tutti conosciamo. Il brano che propongo oggi tratta una pagina della storia meno conosciuta: lo sterminio del popolo Rom nei campi di concentramento, durante…

Continua a leggere →

DICKENS, SCRITTORE SOCIAL, UN AMICO PER I SUOI LETTORI.

DICKENS, SCRITTORE SOCIAL, UN AMICO PER I SUOI LETTORI. Da grande estimatrice di Dickens, quale sono, mi sono sempre interessata all’intenso rapporto che Charles Dickens ebbe con il suo pubblico. Venne percepito dai suoi lettori come un amico con il quale si ha familiarità e fu proprio Dickens a volere questo tipo di rapporto con…

Continua a leggere →

URANIA COTTAGE E LA MODERNITA’ DI MRS MORSON, UNA DONNA NON TIPICAMENTE VITTORIANA.

URANIA COTTAGE E LA MODERNITA’ DI MRS MORSON, UNA DONNA NON TIPICAMENTE VITTORIANA. Oggi vi racconto la storia di Mrs Morson, donna stimata da Charles Dickens e governante di Urania Cottage. Urania Cottage è la casa che Dickens costruì per dare rifugio a ‘donne cadute’, per dar loro l’occasione di riscattarsi e iniziare una nuova…

Continua a leggere →

LE LIBRERIE DELL’USATO: LONDRA VISTA CON GLI OCCHI DI VIRGINIA WOOLF.

LE LIBRERIE DELL’USATO: LONDRA VISTA CON GLI OCCHI DI VIRGINIA WOOLF. “I libri usati sono libri selvatici, libri senza tetto; si riuniscono in grandi stormi dai piumaggi variegati e possiedono il fascino che manca ai volumi addomesticati delle biblioteche. Inoltre, in questa compagnia mista e casuale, potremmo imbatterci in qualche completo estraneo che, con un…

Continua a leggere →

SKETCHES BY BOZ: I SOCIAL NETWORK AI TEMPI DI DICKENS, OVVERO L’ORATORE DA SALOTTO (2a puntata).

SKETCHES BY BOZ: I SOCIAL NETWORK AI TEMPI DI DICKENS, OVVERO L’ORATORE DA SALOTTO (2a puntata). Continua lo sketch by boz sugli oratori da salotto, a dimostrazione del fatto che i social network sono sempre esistiti… con la stessa tipica “fauna” che si può trovare sui social dei nostri giorni! I social network esistevano anche…

Continua a leggere →

SKETCHES BY BOZ: I SOCIAL NETWORK AI TEMPI DI DICKENS, OVVERO L’ORATORE DA SALOTTO (1a puntata).

SKETCHES BY BOZ: I SOCIAL NETWORK AI TEMPI DI DICKENS, OVVERO L’ORATORE DA SALOTTO (1a puntata). I social network esistevano anche all’epoca di Dickens solo che, in mancanza di internet e dei 1000 salotti che sono i profili e le pagine Facebook, li si poteva trovare in veri e propri salotti. Tra la massa delle…

Continua a leggere →

CHARLOTTE BRONTE CONTRO IL BULLISMO IN JANE EYRE.

CHARLOTTE BRONTE CONTRO IL BULLISMO IN JANE EYRE. “John era un ragazzo di quattordici anni, io ne avevo allora dieci solamente. Era alto e forte per la sua età, … Io poi gli ero antipatica; mi maltrattava e mi puniva, non due o tre volte la settimana, non due o tre volte al giorno, ma…

Continua a leggere →

LONDRA VISTA CON GLI OCCHI DI VIRGINIA WOOLF

LONDRA VISTA CON GLI OCCHI DI VIRGINIA WOOLF “L’occhio ha questa strana proprietà: si ferma solo sulla bellezza; simile a una farfalla cerca il colore e gode del caldo. In una sera invernale come questa, quando la natura si è data la pena di pulirsi e ripulirsi, l’occhio conquista i suoi migliori trofei, ricavando piccoli…

Continua a leggere →

JANE AUSTEN E LE SUE COLAZIONI AI SYDNEY GARDENS DI BATH.

JANE AUSTEN E LE SUE COLAZIONI AI SYDNEY GARDENS DI BATH. Dalle lettere di Jane Austen dell’aprile 1805, apprendiamo che era solita andare ai Sidney Gardens di Bath, dei giardini di divertimento adiacenti a una sala da ballo, e partecipare alle tipiche colazioni che lì venivano organizzate. Lettera 44 (domenica 21-martedì 23 aprile 1805) Cassandra…

Continua a leggere →

Page 1 of 3