LA BARBAJADA E LA BELLE ÉPOQUE

LA BARBAJADA E LA BELLE ÉPOQUE

Proseguendo nelle ricerche per il mio romanzo “Gioco a due al Grand Kursaal” (ambientato tra San Pellegrino Terme e Milano) e approfondendo la conoscenza della cucina tipica milanese nel periodo della Belle Époque,  mi sono imbattuta in una bevanda storica dolce ora poco nota, perché caduta in disuso: la Barbajada.

La Barbajada è una bevanda tipica milanese che dal 2008 ha ricevuto la De.Co. (denominazione comunale) dal Comune di Milano, come prodotto tipico.

Fece furore tra i milanesi dagli inizi dell’Ottocento, fino alla fine degli anni Trenta del Novecento. Fu particolarmente gradita anche nel periodo della Belle Époque.

A inventarla fu Domenico Barbaja, nato a Milano nel 1778. Fu un cameriere di bar ma anche un ragazzo brillante con un talento particolare per riconoscere talenti musicali e, non ultimo, un talento imprenditoriale. Per farla breve, Domenico arrivò a dirigere il Teatro San Carlo e anche la Scala di Milano.

Fu lui ad aprire il Caffè dei Virtuosi, a Milano, di fianco alla Scala. Memore del suo passato da cameriere, inventò la Barbajada “… scoprì l’alto segreto di mescolare la panna con il caffè e con la cioccolata, onde nell’imperitura parola di Barbaiada, si fece un monumento più saldo del granito” (Rovani).

Possiamo immaginare quindi che musicisti, intellettuali, imprenditori, benestanti signori milanesi che frequentavano la Scala, fossero soliti degustare la Barbajada al Caffè dei Virtuosi, in Via Manzoni, così come in altri caffè milanesi della zona. Era usanza trovarsi al Caffé dei Virtuosi al pomeriggio dove si parlava di politica, economia, cultura, temi sociali ma anche del più e del meno. Tra una conversazione e l’altra si gustava la Barbajada, accompagnata magari da dolci.

La Barbajada è una bevanda che si può bere fredda, d’estate, ma anche calda (con un po’ di panna) nei mesi freddi.  È molto adatta ad accompagnare i dolci ma si può gustare anche da sola.

È una bevanda storica a base di cioccolata, caffè, latte e zucchero ma, al tempo stesso, non è caffè e neppure cioccolata. Il portale delle Denominazioni Comunali (De.Co.) ci dice che si prepara con cioccolata, latte e caffè in parti uguali e si lavora con la frusta fino a quando schiuma. Ci vuole un terzo di caffè, un terzo di latte o panna e un terzo di cioccolata liquida (che deve essere sciolta nell’acqua, non nel latte). Si versa nel pentolino, con l’aggiunta di un po’ di zucchero e la si scalda, lavorandola con la frusta, fino a quando fa la schiuma in superficie. Si prepara tranquillamente anche a casa. D’estate viene servita fredda in un bicchiere, con l’aggiunta di qualche cubetto di ghiaccio (a piacere). In inverno viene servita calda, con l’aggiunta di un po’ di panna montata spruzzata sopra, in una tazza.

Sempre il portale De.Co. ci indica la zona di produzione e gli ingredienti.

Zona di produzione: Milano e provincia

La ricetta:

Ingredienti per 2 persone

2cucchiai di cacao amaro

Zucchero

¼ di l. di latte freddo

2 tazzine di caffè appena fatto

Se vuoi provare a fare a casa la Barbajada, ecco la ricetta dettagliata:

https://www.lacucinaitaliana.it/tutorial/le-tecniche/barbajada-bevanda-milanese-caffe-cioccolata-ricetta/

Fonti:

Barbajada di Milano, su infodeco.it, il portale delle denominazioni comunali.

Barbajada, il gusto storico di Milano sa di caffè e cioccolato, su turismo.it, 16 gennaio 2017

Barbajada: la bevanda milanese con caffè e cioccolata, su lacucinaitaliana.it, 30 gennaio 2021

Una nota finale: negli hotel di San Pellegrino Terme (provincia di Bergamo), durante il periodo della Belle Époque veniva servita la cucina tipica milanese. La cucina tipica bergamasca veniva presentata invece nei menù più turistici e lo si può notare dalle inserzioni pubblicitarie presenti sul Corriere di San Pellegrino.

Dalle ricerche per “Gioco a due al Grand Kursaal”.

“Gioco a due al Grand Kursaal”, copyright © 2020, Simona Maria Corvese.

 

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento da Facebook

Leave A Response

* Denotes Required Field